Il trash aiuta i Marò: ‪#‎guardareilmondocongliocchidigandhi‬

Anche il trash si mobilita per salvare I NOSTRI POVERI RAGAZZI.

È stata inaugurata ieri la mostra Guardare il mondo con gli occhi di Gandhi, sponsorizzata dalla Regione Lombardia (presieduta da Roberto Maroni, esponente della neo-nazionalista Lega Nord) a cui hanno partecipato diverse personalità del peggior trashume italiano per farsi pubblicità  portare la altrimenti scarsa attenzione dei media sul caso del rientro in Italia dei due marò sotto processo in India per aver ucciso dei pescatori indiani.

Ripescati da un laboratorio criogenico, si sono presentati al Pirellone “celebrità” che ritenevamo scomparse o, al più, sepolte da tonnellate di polvere in un qualche magazzino di Mediaset in mezzo alle decorazioni natalizie e alle scenografie di Drive In.
Invece no: ecco che ritroviamo in bella mostra personaggi del calibro di Paolo Berlusconi, famoso per essere il prestanome a cui il fratello Silvio cedette la società editrice Il Giornale, sua Maestà l’eminentissimo Umberto Smaila e niente po’ po’ di meno che il re delle commedie degli anni Ottanta/Novanta Renato Pozzetto, tutti con indosso, per qualche motivo, gli occhiali del Mahatma Gandhi.

Bando alle chiacchiere e godetevi le foto della temibilissima combo Gandhi + Marò + Trash.

Il Presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni

Il Presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni

Paolo Berlusconi

Paolo Berlusconi

Susanna Selvaggio, direttamente dagli Anni 80

Susanna Selvaggio, direttamente dagli Anni 80

No, non è Paolo Villaggio, è Don Antonio Mazzi

No, non è Paolo Villaggio, è Don Antonio Mazzi

Sua Maestà Renato Pozzetto

Sua Maestà Renato Pozzetto

L'abantuotissimo Umberto Smaila

L’abantuotissimo Umberto Smaila

E anche Twitter, come al solito, ci regala qualche perla sull’argomento:

Se l’intento della mostra era quello di indurre le corti indiane alla pietà per far rimpatriare i due marò, non credo sia stato raggiunto; io invece spero che fosse quello di fare pubblicità ad un nuovo film con le più grandi celebrità del trash italiano.

Luigi Bonarrigo

Commenti

comments

I commenti sono chiusi.