I 10 migliori album del 2014 – parte seconda

Rieccoci qui, oggi andremo a continuare la classifica dei 10 migliori album del 2014, con la top 5!

5) Black Label Society – Catacombs of the Black Vatican

Beh! Quando si tratta della band fondata da Zakk Wylde in persona non si può che aspettarsi un vero e proprio capolavoro, un misto di potenza, riff potenti e assoli ben fatti (non che ci fossero molti dubbi a riguardo), l’ho messo al quinto posto, in quanto, anche se è nel complesso un buon album, ci si aspettava, forse, addirittura qualcosa di più.

Voto: 6,5
Catacombs_of_the_black_vatican_album_cover

4) Lacuna Coil – Broken Crown Halo

Un buonissimo quarto posto se lo son guadagnati i nostrani Lacuna Coil, il gruppo Alternative Metal milanese capitanato da Cristina Scabbia e Andrea Ferro, se l’è cavata alla grande anche questa volta, buoni pezzi incisivi e con un buonissimo mix di voci (cosa che Cristina e Andrea sanno fare da sempre) oltre che riff accattivanti e testi non forzati,
Complimenti a loro.

Voto: 7 pieno.
lacuna_coil_broken_crown_halo

3) Royal Blood – Royal Blood

La vera sorpresa del 2014, il duo inglese formato da Mike Kerr e Ben Tatcher è attivo da 2013 ma la vera scoperta è dovuta a questo meraviglioso album pubblicato il 25 Agosto 2014, dall’uscita di quest’ultimo, infatti, il duo ha cominciato una vera e propria scalata verso il Rock che conta, grazie a pezzi come “Figure it Out” e “Ten Tonne Skeleton”, l’album ottiene risultati sorprendenti, più di quello che forse s’aspettavano gli stessi Royal Blood, tanto da classificarsi primo in Gran Bretagna e in Irlanda nella classifica degli album più venduti.
Continuate su questa strada ragazzi.

Voto: 8
meta-image-2

2) Slash feat. Myles Kennedy & the Conspirators – World of Fire

Se c’è una cosa che è sempre stata apprezzata di Saul “Slash” Hudson, oltre il suo look, è la sua grandiosa capacità di improvvisazione, dote molto utile per sfornare nuovi riff e infatti…indovinate? Esatto, anche stavolta ne è uscito un album eccezionale, pezzi potenti e orecchiabili, così come gli assoli, oltre che a lui, però, c’è da fare i complimenti anche ad uno straordinario Myles Kennedy, chitarrista ritmico e vocalist grandioso (come anche negli Alter Bridge) dotato di una notevole estensione vocale, Slash gli chiese subito se volesse suonar con lui, ci sarà un motivo, no?

Voto: 8,5
ArticleImage-53417

1) Linkin Park – The Hunting Party

Ed eccoci arrivati alla prima posizione, mai avrei pensato che il 2014 fosse l’anno della rinascita dei Linkin Park duri e aggressivi e di conseguenza son molto felice che la band di Chester Bennington mi abbia smentito alla grande, quando hai un vocalist con queste capacità, secondo me è giusto sfruttarle a pieno con pezzi Rock potenti e collaborazioni eccezionali come quella di Daron Malakian (chitarrista solista dei System of a Down) nel pezzo “Rebellion”, solo uno dei pezzi spettacolari contenuti in The Hunting Party.
Critiche positivissime da parte mia per quello che considero il miglior album del 2014, piacevole da sentire, potente, con pochi sintetizzatori (cosa di vitale importanza visti gli album precedenti) e per niente noioso anche dopo 2 o 3 ascolti.

Voto: 9 stra meritato
Linkin_Park,_The_Hunting_Party,_album_art_final

Scrivete che pensate di questa classifica, che posizioni cambiereste e se c’è qualche album migliore di un altro che non è stato messo in elenco!

Boo Boo

Commenti

comments

Pubblicato da Boo Boo

Admin fondatore delle pagine facebook: "Per gli amanti del Rock e dell'Heavy Metal" e "Paolo Lebbrosio" e admin collaborativo di "Guitar: my life" e "Pollo"