Biscotti con sorpresa – gli ‘Mpanatigghi

Si avvicina la Quaresima, il periodo di quaranta giorni che precede la Pasqua nella tradizione cristiana in cui, teoricamente, si fa penitenza e ci si purifica in vista della Resurrezione di Cristo.

Perché vi sto dicendo queste cose? No, non ci siamo venduti a Radio Maria. La Quaresima è semplicemente il momento dell’anno in cui il piatto di oggi è nato e in cui tuttora prospera: gli ‘Mpanatigghi.

Belli, probabilmente buoni... dove sta la fregatura?

Belli, probabilmente buoni… dove sta la fregatura?

Sembrano morbidi biscottoni ripieni, ma nascondono un segreto. Tipici di Modica, nella Sicilia orientale, sembrano essere arrivati con gli Spagnoli nel XVI secolo (da cui il nome, che richiama molto la parola empanadas) anche se la leggenda narra che siano opera di alcune suore siciliane. Sono farciti con un impasto gustosissimo composta da noci, mandorle, zucchero, cioccolato, chiodi di garofano, cannella e… carne di manzo. Esattamente! Queste belle mezzelune contengono carne, per la gioia di tutti i nostri lettori vegan-friendly (nemmeno questa volta vi diamo soddisfazioni, ragazzi).

Perché mai? Torniamo alla leggenda: alcune suore siciliane decisero di creare degli interessanti dolcetti energetici per i confratelli predicatori, costretti a girare per i conventi e i monasteri secondo le regole. In periodo di Quaresima il consumo di carne era ridotto al minimo e i monaci si stancavano in fretta. Quale modo migliore di evitare di commettere peccato palese che nascondere macinato di carne nella pasta di mandorle e cioccolato? Di sicuro questa spiegazione risulta più divertente rispetto a quella banale della conquista spagnola: se chiedete l’origine degli ‘Mpanatigghi ai pasticceri siciliani, una buona parte vi racconterà proprio questo aneddoto.

'Mpanatigghi

Io non vedo carne. Occhio non vede, cuore non duole.

Ma la vera domanda è: questi ravioloni sono buoni, oltre che belli? Altroché! Il gusto è ricco e complesso e la carne non si nota nell’omogeneità dell’impasto. Biscotti speciali per piccoli peccatori ingenui, tutti da provare.

 

 

The Lice

The Lice

E' femmina, è giovane, parla in terza persona come il divino Cesare e nella vita si diletta con il macabro, il meraviglioso e lo schifo puro.
Si domandano ancora perché sia single.
The Lice

Commenti

comments

A proposito di The Lice

E' femmina, è giovane, parla in terza persona come il divino Cesare e nella vita si diletta con il macabro, il meraviglioso e lo schifo puro. Si domandano ancora perché sia single.

I commenti sono chiusi.