Come giocare un buon carry – Parte 2

Come promesso sono tornato: ecco altri 8 consigli su come giocare un buon carry.

1) Una kill vale più di una creep wave. Se in qualche altra lane potrebbe avvenirne una con il tuo intervento, considera l’uso del portale di cui sopra e vai a realizzarla. Certe volte basta davvero poco. La maggior parte dei carry ha una skill per stunnare o rallentare un bersaglio, o anche per danneggiarlo (vedesi le Q di Sven, WK e Spectre). Se vedi nemici divare in un’altra lane, considera di teletrasportartici. Farmare nemici è meglio che farmare creep.

2) Non necessariamente però. Se il nemico si ritira oltre la torre, considera che anche l’altro team potrebbe far lo stesso. Non inseguire oltre quanto sarebbe sano farlo. Ricorda che quando sei sotto torre nemica, tutto ciò che serve è uno stun per prenderti. Valuta le tue possibilità attentamente.

3) Ci vorrà tanto prima che tu sia in grado di farti l’intero team nemico da solo. Anzi, potrebbe non necessariamente essere così. Resta col tuo team, partecipa alle teamfight.

4) Scegli bene la tua build. Gli stessi oggetti non andranno bene per ogni partita. Aspettati di poter buildare cose che non pensavi avresti dovuto. Certe volte, una Linkens è meglio di un BKB, il Dominator è meglio della Mask o il Vlad meglio di entrambi, la Shadow è meglio del Blink, il MKB è meglio del Basher e S+Y è meglio di una Butterfly. Certe volte, invece, è il contrario. Il trucco sta nel capire quale sia la scelta migliore. Guarda cosa c’è nel tuo team e cosa c’è nel team avversario. Non spendere gold per item che non riuscirai a valorizzare.

321584-full

5) Chiudere la partita dopo aver preso una sola lane a volte riesce, ma la maggior parte delle volte no. Morire inutilmente sotto l’Ancient nemico cercando di buttarlo giù potrebbe trasformare in una sconfitta una vittoria certa. Tornare indietro ed aspettare di buttare giù tutte e tre le lane prima dell’attacco finale, possibilmente aspettando i mega creeps, spesso si rivela una scelta più saggia.

6) Hai deciso di junglare fin dall’inizio? Stai attento. Guarda sempre la mappa e, se qualcuno manca, prendi in considerazione il tornare in base. Ci sono in giro nemici come Clinkz, Bounty e Riki? Se devi restare in giungla, assicurati di avere sempre abbastanza pf da scappar fino alla più vicina torre. Non restarci mezz’ora. Già al 10° considera di fare qualche uscita per aiutare il team. Al 15°, il team comincerà davvero ad aver bisogno di te. Non lasciarli soli.

bounty_hunter_dota_2_by_trelderanx-d6d8rno

7) La jungle da meno exp e gold della lane. Se vai in jungle non ci vai per farmare tranquillamente, ma per massimizzare l’exp del tuo team. Se c’è qualcuno in grado di gestirsi una solo, riceverà il doppio dell’exp ed arriverà prima al 6. Oltre questo, permette di avere una persona in più ad aiutare (quindi esci dalla giungla e fallo se serve) il carry in safelane.

8) Ricorda soprattutto una cosa: un inizio difficile non è una partita persa. Molti carry non raggiungono il loro potenziale fino ad un certo livello ed un certo equip, ma una volta arrivatici possono recuperare una partita persa. Endgame come Chaos Knight, Legion Commander, Slark e Lifestealer possono recuperare situazioni disperate col giusto equip. Non lasciarti scoraggiare da un brutto inizio e continua a farmare. Molte partite perse possono essere ribaltate da un buon late.

Chaos-Knight-Dota-2-Wallpaper-1

Molte di queste cose sembrano ovvie, lo so. Però non sono così intuitive come sembrano. Tutti noi abbiamo commesso questi errori almeno una volta, e probabilmente molti continueremo a commetterli. Spero questa guida risulti informativa per qualche nuovo giocatore, ed un utile reminder per qualche giocatore più esperto.

Se vi foste persi la prima parte eccovi il link
http://polloita.altervista.org/giocare-un-buon-carry-pt-1/

Commenti

comments

I commenti sono chiusi.