Emmy Awards 2015

Siccome dormire è troppo mainstream ho ben pensato di guardare la cerimonia di premiazione degli Emmy Award 2015. Per chi non lo sapesse si tratta degli “Oscar delle serie TV”. La vera tragedia non è stata perdere ore utili al sonno o a qualunque altra attività ma dover sopportare i due commentatori italiani di RAI 4 e le loro stronzate per riempire gli spazi pubblicitari americani (perché a quanto pare la RAI non poteva sostituire la pubblicità marcata USA con quella italiana).

Ricky Gervais che fa finta di aver vinto un Emmy. Scenetta degna di Sanremo.

Ricky Gervais che fa finta di aver vinto un Emmy.
Scenetta degna di Sanremo.

Non vi parlerò del red carpet, anche perché non c’è molto da dire: la solita sfilata di abiti eleganti e commenti inappropriati sui vestiti.

Passiamo al regolamento: quest’anno ci sono state delle novità. La prima riguarda le categorie stesse. La seconda sui criteri di appartenenza alle categorie (infatti Orange is the new black che fino all’anno scorso era una comedy, quest’anno è un drama). Sono cambiate anche le modalità di voto: tutti i membri dell’Accademy hanno la possibilità di votare. Infine è aumentato il numero di candidati per categoria.

Premio piuttosto meritato per Peter

Premio piuttosto meritato per Peter

Qualcuno avrà visto foto o video sulla cerimonia e sicuramente avrete notato la presenza di un fiocco verde su alcune delle giacche e dei vestiti. Non era una semplice decorazione ma aveva la funzione di sensibilizzare la ricerca sulla lotta al cancro. Niente braccialetti rossi, fiocchetti verdi per le star delle serie TV.

Arriviamo alle premiazioni. La cerimonia è stata presentata da Andy Samberg (il cazzone, frontman dei Lonely Island) che lo scorso anno era tra i candidati agli Emmy. La sua presenza ha reso il tutto meno noioso, visto che si tratta di un alternarsi di consegna del premio, ringraziamenti a parenti, amici, produttori e piattaforme televisive e  pubblicità. Diversamente dagli Oscar era poco presente la componente divina nei ringraziamenti.

Per la categoria comedy “The Emmy goes to”:

  • Allison Janney in Master of Sex come migliore attrice non protagonista
  • Simon Blackwen, Armando Iannucci, Toni Roche come meglior sceneggiatura per Veep “Election night
  • Tony Hale in Veep come miglior attore non protagonista
  • Jill Soloway come miglior regista per Transparent “Best new girl
  • Jeffrey Tambor in Transparent come miglior attore protagonista
  • Julia Louis- Dreyfus in Veep come migliore attrice protagonista
  • Veep come miglior serie comedy (E NON PARKS AND RECREATION, VI ODIO ndr)

Per chi non lo sapesse, Transparent è una serie tv di Amazon che parla di Transgender.

Il miglior reality è invece The Voice (che in realtà a me non piace)

Fa il pieno di Emmy la short serie Olive Ketteridge che vince:

  • Miglior sceneggiatura – Jane Anderson
  • Miglior regia – Lisa Cholodenko
  • Miglior attore non protagonista – Bill Murray
  • Miglior attrice protagonista – Frances McDormand
  • Miglior attore protagonista – Richard Jenkins
  • Migliore short serie

Il premio per migliore attrice non protagonista di short serie va invece a Regina King in American crime.

Amy Poehler è Amy Poehler.

Amy Poehler è Amy Poehler.

Per la categoria Variety “the Emmy goes to”:

  • Elliot Kalan, Adam Lowit, Steve Bodow, Jon Stewart, Dan Amira, Travon Free come miglior sceneggiatura per The daily show with Jon Stewart
  • Inside Amy Shumer come miglior serie sketch
  • Chuck O’neil come miglior regia per The daily show with Jon Stewart
  • The daily show with Jon Stewart come miglior variety

Infine i Drama “and the Emmy goes to”:

  • D.B. Weiss come migliore sceneggiatura per Il trono di spade (AHAHAHAHHA)
  • Uzo Aduba in Orange is the new black come migliore attrice non protagonista
  • David Nutter come miglior regia per Il trono di spadeMother’s mercy
  • Peter Dinklage in Il trono di spade come miglior attore non protagonista
  • Jon Hamm in Madman come miglior attore protagonista
  • Viola Devis in Le regole del delitto perfetto come miglior attrice protagonista
  • Il trono di spade come miglior serie drama

Sono piuttosto d’accordo con i premi assegnati tranne che in qualche caso come the voice o il miglior attore drama che avrei preferito fosse Kevin Spacey in House of Cards.
(Per non parlare del premio come miglior sceneggiatura a GoT. Dai, davvero? Scherzate? ndr)

Voi a chi avreste assegnato gli Emmy? Quali sono le serie TV che preferite?

Commenti

comments

I commenti sono chiusi.