Eurovision Song Contest 2016: premi e complotti

Appuntamento ormai fisso è quello di maggio con l’ Eurovision Song Contest, che tiene incollata alla TV la popolazione di mezzo mondo e ovviamente di tutta l’Europa. L’edizione dell’ Eurovision Song Contest 2016 si è tenuta a Stoccolma, grazie alla vittoria di  Måns Zelmerlöw, nella precedente edizione, con la sua Heroes, che quest’anno ha partecipato come presentatore dello show in compagnia di miss simpatia Petra Mede.

maxresdefault

Ma chi guarda l’ESC? Sicuramente pochi esperti di musica e tanta gente che ha voglia di gettare merda o sbavare sui cantanti in gara. Ed è proprio quello che faremo! Adesso vi elencherò i concorrenti in ordine di apparizione con un commento su esibizione, outfit o qualunque cazzata mi sia passata per la mente mentre li guardavo. 
Se non vi interessa l’elenco passate direttamente alla fase GOMBLODDO!!1

  1.  Direttamente dagli anni ’80 la luccicosa belga, Laura Tesoro, con un brano che sembra un mash-up tra una canzone qualunque di Jamiroquai e Another one bust the dust dei Queen.
  2. Dalla Repubblica Ceca ecco Gabriela Gunčíková, con un’esibizione molto sobria. Meno sobria, la sua collana ritrovata in alcuni scavi in un sito archeologico del paleolitico. Un utente di Twitter ci fa notare la somiglianza ad Elsa di Frozen.
  3. Gli Oasis olandesi non attirano molto l’attenzione maschile, sicuramente più quella femminile.
  4. Azerbaijan. Prima del contest non avevo idea della sua esistenza, ma passando alla cantante: gran belle tett…ehm voce.
  5. Perché l’Ungheria nel video di presentazione prepara la pasta col pomodoro? Ok, avete la bandiera dell’Italia in orizzontale ma, cazzo, la pasta è roba nostra.
    Comunque le ragazze avranno apprezzato l’ungherese.
  6. Arriviamo dunque all’Italia rappresentata dalla Michielin. Sono sicura che Carla ed Enzo abbiano urlato “Ma come ti vesti?”. No sul serio, chi cazzo l’ha vestita?
  7. Non poteva mancare il frocio di turno (no offense mates) ma stavolta non è una “patata con sorpresa”, semplicemente è il rappresentante d’Israele.
  8. Bulgaria: Emma Marrone con la voce di Cristina d’Avena (intonata però) dal look inguardabile.
  9. Con la Svezia diamo inizio ai wanna-be Justin Bieber.
  10. Soffermiamoci un attimo sulla Germania. Per prima cosa il contest per i bambini non era stasera. Tralasciamo anche il fatto che sia conciata come una idol giapponese. Ragazzi questa è vegana. Triste che abbia sottolineato che ha un vestito vegano. MA CHE CAZZO VUOL DIRE?
  11. Poco da dire sulla Francia e il suo Renga.
  12. Mi sono innamorata dello stile del polacco, completamente distrutto dai mocassini.
  13. Arriviamo dunque all’apprezzatissima Australiana/Giapponese: io sono sicura fosse la sorella di Filthy Frank.
  14. Finalmente un po’ di Rock con Cipro. Non so voi ma il cantante sembrava Bill Kaulitz (Tokio Hotel) pelato, tra una decina di anni. Analogia tra il chitarrista e Mazzoli di radio 105.
  15. Serbia, che dire? Gran pezzo di gnocca.
  16. Continua la saga dei wanna-be Justin Bieber con la Lituania.
  17. Croazia: rinchiudete la parrucchiera di questa ragazza.
  18. Nota di merito per la scenografia del Messi di Russia. Bel lavoro.
  19. Look semplice, quasi sportivo per la Spagna. Niente flamenco, niente olé ma tanta energia.
  20. Si conclude con la Lettonia la saga dei wanna be Justin Bieber.

  21. Momento deep con l’Ucraina e la sua “1944“, vincitrice del contest con una canzone autobiografica che ha toccato i cuoricini degli europei.
  22. Per la serie stranezze ecco la Maltese gravida. Carina comunque.
  23. Arrivano gli “alternativi” con la Georgia. Niente male il cappello del cantante.
  24. Per l’Austria canta la Principessa Sissi.
  25. Scendono in campo per l’Inghilterra Holly e Benji o qualcosa di simile a ciò  che resta degli One Direction.
  26. Infuocata esibizione per la gnocca Armena.

music-eurovision

Passiamo al GOMBLODDO che riguarda l’assegnazione dei voti.
Quest’anno la vittoria è decisa per il 50% dalle giurie nazionali e per il restante 50% dal televoto.
Come avrete notato nel tempo l’assegnazione dei voti più alti delle giurie nazionali, dipende molto dalla vicinanza dei paesi votanti a quelli riceventi il voto ma soprattutto agli interessi politici che ci sono dietro: avrete notato come la Italia, Francia e Spagna si siano scambiati i voti più alti da assegnare. Anche l’Albania è stata generosa con l’Italia o il traffico di droga smette immediatamente.
Altra cricca è quella dei paesi scandinavi, quella dell’est Europa.
È andata malissimo alla Germania che perde sempre più consensi, anche dalle terre vicine. Ma interessante è sempre la Russia che era stata già al centro di polemiche per le semifinali e che quest’anno non ha assegnato i suoi 12 punti alla vincitrice Ucraina ma all’Armenia.

https://mobile.twitter.com/rusembitaly/status/731619047108972544

Commenti

comments

I commenti sono chiusi.