I 5 motivi per cui Dead Set è meglio di The Walking Dead

Dead-01Fate parte di quel ristretto gruppo di persone che trova The Walking Dead una serie stupenda, coinvolgente e studiata alla perfezione?
Fate parte di quel gruppo di persone che afferma “di The Walking Dead sono belle le prime due stagioni“?
Siete convinti che Frank Darabont, ideatore della serie, abbia strutturato la stessa su di una trama originale e ben architettata?
Allora necessitate di una sonora smentita.
Ecco qui elencati, in modo riassuntivo, i cinque punti in cui Dead Set, serie tv inglese a tema zombie andata in onda nel lontano 2008, supera di gran lunga la serie tv della AMC.

Dead-Set1) Zombie

E’ inutile che mentiate a voi stessi: la rabbia e l’incazzatura nel vedere gli zombie barcollare a destra e a sinistra senza effettivamente mettere a rischio la vita dei personaggi tratti dal fumetto di Robert Kirkman sono elementi che
accomunano ogni singolo spettatore alle prese con la visione di un episodio qualunque di The Walking Dead.
In Dead Set, così come nel film World War Z, gli zombie sembrano tanti Bolt pronti a scattare verso il primo essere vivente che gli si para loro dinanzi. Ed infatti, le scene di scontro-inseguimento, sono molto più concitate e presentano maggiore pathos rispetto a quelle di TWD.

3deadset2) Cruda realtà

Mi spiego meglio: lo spettatore medio, informato dell’esistenza di una serie tv a tema zombie o, più in generale, di carattere apocalittico cosa potrebbe mai richiedere dalla stessa? Sangue, drammaticità, scontri mortali e ancora sangue. Niente di più: cose semplici, dirette e concise. The Walking Dead, pur presentando alcuni personaggi davvero interessanti, sfocia spesso e volentieri in precarie riprese di amore familiare che con il genere non hanno nulla a che fare ma che risultano utili solo ad appesantire le riprese e la puntata stessa in cui avvengono.
Dead Set, all’opposto, presenta la più cruda e nuda realtà: nessun finto buonismo tra i personaggi. L’obbiettivo è sopravvivere e pur di trarre in salvo la propria pelle si è disposti a qualsiasi cosa. In una ripresa della serie tv inglese uno dei protagonisti si ritrova a sventrare, armato di solo coltello, uno degli altri personaggi da porto deceduto per poter poi utilizzare la carne come diversivo e distrarre così gli zombie.

qqq

3) Lo sfondo della narrazione

The Walking Dead ci ha presentato i più svariati sfondi nei quali gli avvenimenti venivano ripresi e sceneggiati. Non si tratta di un vero punto negativo, in quanto ogni serie medita riguardo allo sfondo della narrazione alla ricerca del migliore. Ma in Dead Set lo sceneggiato ci viene presentato in uno degli sfondi più accattivanti che una mente umana possa immaginare: il tutto si svolge all’interno della casa del Grande Fratello. Molto di Dead Set rappresenta una allegorica citazione odierna del capolavoro del genere zombie, L’Alba dei Morti Viventi. E’ proprio una frase pronunciata mentre osservano dal tetto dello studio orde di erranti accalcarsi nei dintorni delle recinzioni a segnare il parallelo con l’antologica pietra miliare del cinema.

“This was like a temple for them”

La frase pronunciata nel film del 1978 è la medesima, ma è il cambiamento del soggetto a cui si fa riferimento a sancire il nuovo oggetto della critica sociale della serie: il “tempio” originariamente concepito da Romero era un enorme centro commerciale, in Dead Set quel “this” indica lo studio di un reality televisivo. Viene quindi fatto un passo ulteriore: dalla critica al consumismo, alla critica della società dell’immagine, figlia della società del consumismo criticata da Romero.

1004_dead-set44) Personaggi

E’ lampante come certe caratterizzazioni all’interno di The Walking Dead siano state mal studiate e costruite disintegrando mano a mano che la serie proseguiva diversi personaggi, anche principali. Il tutto si ricollega a quanto è stato precedentemente detto per quanto concerne la crudeltà: i personaggi, col prosieguo delle stagioni, sono stati completamente snaturalizzati.
Eh ma il personaggio cambia“. Certo, su questo non si discute, ma un conto è l’evoluzione, un conto è prendere un bel personaggio, gettarlo nel cesso e tirare lo sciacquone.
Dead Set è strutturato secondo una forte influenza hobbesiana: l’uomo è naturalmente malvagio e per tanto, in mancanza di regole e principi, è la legge del più forte a regnare sovrano insieme al naturale istinto di conservazione,

dead-set-eye5) Semplicità

Di The Walking Dead sono belle le prime due stagioni, poi...”

Cazzata.
Non tanto perché l’affermazione sia falsa, quanto perché valutando un’opera la si valuta nel suo insieme, non siamo al supermercato nel quale poter decidere quale stagione comprare e quale no.
Esempio: le prime due-tre stagioni di Breaking Bad appaiono lente? Sì.
Ciò rende meno sontuosa e stupenda la serie? No.
The Walking Dead, con il procedere degli anni accusa gli acciacchi del tempo e perde mordente. E’ un processo naturale e fisiologico che sceneggiatori e produttori dovrebbero conoscere bene e adoperarsi affinché il proprio “figlio” abbia la fine che meriti.
Divagazione: controcorrente, rispetto alla costante idea di prolungare una serie per poter lucrare sempre più, il creatore di The It Crowd annunciò verso maggio 2011 la produzione di una quinta stagione, un modo “per dire arrivederci sia ai personaggi, sia agli spettatori”, perché la vera paura di Graham Linehan era quella di farla diventare “una serie tv zombie, dove lo show è morto ma il suo corpo continua ad essere comunque in circolazione”.
Di questo si tratta: una serie tv a tema zombie, non perché tratta di quest’ultimi, ma piuttosto perché la serie stessa è divenuta uno zombie che si aggira nei palinsesti televisivi.
La serie inglese dona allo spettatore ciò che una serie di questo genere dovrebbe dare: scene di concitato terrore, splatter e violenza visiva e verbale il tutto concentrato in cinque semplici puntate (durata totale di circa due ore).

Per quelli che staranno pensando “certo che è bella, cinque puntate buone son capaci a farle tutti” rispondo: infatti, di grazia, la prima stagione di The Walking Dead (che a quanto viene detto è la migliore ndr) da quanti episodi è composta? Meditate.

Jim LaFleur

Esistono storie che non esistono.
Offerto da Gropponi, abbigliamento infimo e Amaro Letale, voglio il peggio.
Nato male e stronzo, cresciuto ancor peggio.
Jim LaFleur

Commenti

comments

A proposito di Jim LaFleur

Esistono storie che non esistono. Offerto da Gropponi, abbigliamento infimo e Amaro Letale, voglio il peggio. Nato male e stronzo, cresciuto ancor peggio.

I commenti sono chiusi.