Shouchuu, liquore giapponese con calabroni rinfrescanti

Siamo in piena Estate. Fa caldo. Si raggiungono i trentacinque gradi all’ombra. Si suda. Ci si prosciuga. Bisogna bere. Si va alla ricerca di qualcosa di fresco. Si agogna una bibita. Di qualsiasi tipo.

Di qualsiasi tipo?

Ben trovati, lettori, alla nostra rubrica mensile che tratta di quel sottile confine tra commestibile e riciclabile-nell’umido. Visto che siamo in estate e teoricamente in vacanza – a meno che, come me, non siate studenti universitari; in quel caso feel ya bro – perché non trattare di un argomento ad hoc? Oggi si parla di alcol. Ma non alcol qualsiasi: lo shouchuu, liquore giapponese al gusto di calabrone gigante.

Guest del mese: il calabrone reale

Guest del mese: il calabrone reale e il suo faccino affidabile

La prima domanda che ci si pone è: perché. Perché non apprezzare i piaceri della vita senza infilarci dentro qualcosa di osceno, raccapricciante e dotato di troppe zampe? Ve la faccio semplice: questa roba viene dal Giappone. A posto così come risposta? Ottimo.

I calabroni giganti giapponesi sono tra gli insetti più pericolosi del mondo, non solo perché il loro veleno è particolarmente potente, ma anche e soprattutto perché sono predatori insaziabili che possono sterminare un intero alveare nel giro di poche ore. Eppure esistono veri e propri cacciatori di calabroni che recuperano questi animali vivi in sacchetti di plastica o scatole per preparare il liquore, che ricorda la vodka. Una volta che i calabroni sono stati recuperati, vengono sistemati a gruppetti di tre o quattro in vasi di vetro e subito dopo affogati nell’alcol. Perché questa crudeltà? Gli animali, mentre affogano, tentano di scampare alla morte e si agitano, liberando il proprio veleno prima di morire malissimo. Il liquore appena fatto viene lasciato a fermentare per tre anni e questo è il meraviglioso risultato.

Tutti ne vogliono una nel proprio armadietto degli alcolici.

Tutti ne vogliono una nel proprio armadietto degli alcolici.

Dopo tre anni il liquore ha una consistenza e un colore melmosi, puzza di carne avariata e viene bevuto senza togliere le scorie della fermentazione degli animali. Si dice che abbia i suoi vantaggi: fa diventare la pelle stupenda ed è un elisir di giovinezza.

Sempre se si sopravvive al primo sorso.

 

The Lice

The Lice

E' femmina, è giovane, parla in terza persona come il divino Cesare e nella vita si diletta con il macabro, il meraviglioso e lo schifo puro.
Si domandano ancora perché sia single.
The Lice

Commenti

comments

A proposito di The Lice

E' femmina, è giovane, parla in terza persona come il divino Cesare e nella vita si diletta con il macabro, il meraviglioso e lo schifo puro. Si domandano ancora perché sia single.

I commenti sono chiusi.