“Wake Up!” – Il primo album di Papa Francesco

Avete mai pensato a qualcosa o a qualche fatto in particolare che sembrava irrealizzabile ma che a tempo stesso vi divertiva?
Mi ricordo che all’età di 13/14 anni (ovvero quando non capivo nulla e facevo una cosa solo perché mi dicevano di farla) quando andavo a messa la domenica, ad ogni canto religioso o sbattevo le mani sulle gambe, a tempo, come se avessi una batteria oppure non facevo nulla ma nella mia testa pensavo a quel canto ma fatto in Growl/Scream e con assoli di chitarra.
Una cosa che da raccontare sembra blasfema e irrispettosa ma che, tuttavia, mi aiutava in modo divertente a passare quell’ora noiosa.

Perché ve lo chiedo? Beh, quanti di voi avrebbero mai immaginato un Papa che decide di approvare un disco Progressive Rock, stile PFM, BMS o Dream Theater (giusto per citarne 3) in collaborazione con Don Giulio Neroni e Tony Pagliuca (compositori), ex musicisti de Le Orme (uno dei gruppi Prog. Italiani migliori della storia)?

 

Ebbene si, avete letto bene, l’album che uscirà il 13 Novembre sotto Believe Digital, si intitolerà “Wake Up!”

Pope-Francis-Papa-Francesco-Wake-Up-480x480

Per quanto riguarda i testi, si tratta di trasposizioni in diverse lingue (italiano, inglese, spagnolo e portoghese) dei discorsi più significativi di Papa Francesco e delle sue preghiere con basi Prog.

Ecco la tracklist dell’album:

1. “Annuntio Vobis Gadium Mangum”
2. “Salve Regina”
3. “Laudato Sie…”
4. “Poe Que’ Sufren Los Ninos”
5. “Non Lasciatevi Rubare La Speranza!”
6. “La Iglesia No Puede Ser Una Ong!”
7. “Wake Up! Go! Go! Forward!”
8. “La Fa Es Entera, No Se Licua!”
9. “Pace! Fratelli!”
10. “Per La Famiglia”
11. “Fazei O Que Ele Vos Disser”

Wake Up! è già disponibile in pre-order su iTunes ed è stato anticipato da “Wake Up! Go! Go! Forward!”.

Certo, non è la prima volta che abbiamo a che fare con realtà musicali legate alla religione, anche in generi per antonomasia concepiti come lontani dal cristianesimo (il White Metal, o il Christian Rock ne sono una prova). Chiaramente, questo numero di Papa Bergoglio è il più significativo a livello di impatto mediatico nazionale e mondiale, ma nel Bel Paese qualche anno fa abbiamo avuto un precedente importante. Chi si ricorda di Fratello Metallo? Frate Cappuccino, 65 anni.. Metallaro, all’anagrafe Cesare Bonizzi, è stato una meteora musicale decisamente atipica per gli standard italiani. Questo uomo di chiesa, dopo aver scoperto i Metallica, ha deciso di dedicarsi al mondo del Metal, dapprima intervenendo come predicatore in diverse manifestazioni, come il Gods of Metal, e poi costituendo una band e pubblicando dischi. L’accostamento metal/religione è sicuramente atipico, ma obbiettivamente vedersi un omone che è un incrocio tra Babbo Natale e Fra Tuck di Robin Hood che ti fa le prediche prima di un live di Ozzy, non è così tanto credibile. No?

Insomma, dopo l’entrata di Gesù, in lui è entrata (doppio senso? può darsi) anche la cosiddetta “Musica di SADANAAAA”.
Ci saranno idee contrastanti, gente incazzata per la blasfemia della cosa e gente, invece, come me, che faceva una cosa simile già in adolescenza e quindi, è molto felice della cosa (credo), anche perché così è anche più piacevole sentire le preghiere (che trovo di una noia mortale).

Ora tocca a voi, diteci quali sono i vostri pensieri riguardo l’album e quali son state le cose che avete sempre pensato ma che considerate irrealizzabili (a questo punto nulla lo è veramente, visto l’album Rock del Pontefice).

Amen.

[Articolo di MattPenna e BooBoo]

Boo Boo

Admin fondatore delle pagine facebook: "Per gli amanti del Rock e dell'Heavy Metal" e "Paolo Lebbrosio" e admin collaborativo di "Guitar: my life" e "Pollo"
Boo Boo

Commenti

comments

A proposito di Boo Boo

Admin fondatore delle pagine facebook: "Per gli amanti del Rock e dell'Heavy Metal" e "Paolo Lebbrosio" e admin collaborativo di "Guitar: my life" e "Pollo"

I commenti sono chiusi.